UN GOLPE CHIAMATO RATING

Così fu depredata l'Italia nel 2011

 

La straordinaria requisitoria del pm di Trani Michele Ruggiero che ha messo sotto accusa Standard &Poor‚??s e Fitch.
‚??Chi pretenda di ignorare queste pagine si pone automaticamente dalla parte degli oscurantisti o dei complici di un gigantesco imbroglio che ha avuto per vittima l‚??Italia sotto due profili: l‚??economia e la democrazia‚?Ě.

BERLUSCONI DEVE CADERE

Cronaca di un complotto

 

‚??Racconta il ministro del Tesoro di Barack Obama, Timothy Geithner, che nell‚??autunno del 2011 ricevette un forte invito da alte personalit√† europee perch√© convincesse il presidente degli Stati Uniti ad aderire a ‚??un complotto‚?Ě. Lo chiama proprio cos√¨, nelle sue memorie uscite nel maggio 2014 e intitolate ‚??Stress test‚?Ě. Complotto. A quella proposta scrive di aver risposto: ‚??We can‚??t have his blood on our hands‚?Ě. Noi non vogliamo sporcarci le mani con il suo sangue. Il sangue √® il mio. Il complotto era contro di me, contro l‚??Italia, contro la sovranit√† del popolo italiano che mi aveva scelto con il voto per essere il capo del suo governo‚?Ě. Silvio Berlusconi

LA MIA UTOPIA

La piena occupazione è possibile

 

Herman Melville in Moby Dick immagina che nel Pequod, la baleniera comandata dal capitano Achab, viga un sistema che non discrimina, perch√© ci√≤ che conta √® il merito individuale, e che assegni a ciascun lavoratore-capitalista una ‚??pertinenza‚?Ě, un salario, basato sulle competenze individuali e sui profitti, cosicch√© a tutti convenga che il capitale frutti il pi√Ļ possibile. Renato Brunetta, in queste pagine, propone un sistema simile anche per il nostro Paese per superare la crisi, ‚??una grande occasione per ristrutturare, per soffermarsi a capire il mondo e le sue trasformazioni, e reinterpretare idee e teorie‚?Ě. Una riforma radicale che preveda il passaggio da una societ√† a retribuzione fissa verso sistemi di partecipazione dei lavoratori ai rischi d‚??impresa. Solo cos√¨, realizzando un ‚??socialismo liberale‚?Ě, dove il salario non sar√† pi√Ļ una variabile fissa e incomprimibile, si potr√† compiere la transizione da un mondo di salariati in perenne bilico sul nulla della disoccupazione, a un pianeta della piena occupazione. ‚??Facciamo respirare la nostra societ√†, i nostri giovani. Sviluppiamo. Investiamo. Facciamo manutenzione del nostro territorio, delle nostre case, del nostro patrimonio urbano. Restauriamo e ristrutturiamo. Modernizziamo. Costruiamo le reti del nostro futuro‚?Ě

-->